Galline da salvare

Di solito la spesa a casa la faccio io. Oggi invece mi sono svegliata tardi e ho aperto il frigo. Orrore!!

2 confezioni di uova da allevamento in gabbia.

Non sono un’animalista nel senso letterale del termine. Mangio carne e pesce, mi piacciono le borse in pelle, ma ci sono cose che mi fanno rabbrividire: le pellicce, i video di crushing su animali, e le uova. Il motivo è semplice. Mi dà fastidio l’uccisione o la tortura ai solo fini estetici o commerciali. Finchè si parla di nutrirsi e uccidere l’animale non è un problema, la vedo come una cosa naturale (se poi la pelliccia fosse di mucca magari mi andrebbe anche bene). A chi non la vede come una cosa naturale perchè non sono io ad uccidere l’animale che mangio, rispondo che in un branco di leoni in genere ci sono leonesse che hanno lo scopo di procurar cibo al branco, e nel mio branco ci sono allevatori cacciatori e macellai che hanno più o meno la stessa funzione. Come posso ancora tollerare anche i test sugli animali, in quanto a volte utili a salvare vite. Alle fine è come uccidere per nutrirsi, sempre di sopravvivenza si tratta (al di là del legittimo dubbio che mi viene pensando che se la mia gatta mangia la cioccolata si sente male e quindi così uguali da essere intecambiabili negli studi non possiamo essere). Fine divagazione, possiamo litigare anche dopo per questa cosa.

Ma le uova!

I codici che sono riportati sulle uova.

  • 3 per le galline allevate in gabbia (o batteria);
  • per le galline allevate “a terra”;
  • 1 per le galline allevate all’aperto in maniera intensiva;
  • 0 per le galline allevate all’aperto in maniera estensiva e con mangime biologico.

0 è quello che cerco in genere. 1 mi va ancora bene. 2 proprio se mi servono e non ho modo di procurarmente altre, 3 ne faccio a meno.

Il motivo è semplice, è vero che c’è una grossa differenza di prezzo, a volte quelle col numero più basso costano quasi il doppio delle altre, ma non comprando dozzine di uova al giorno questa differenza non mi fa indebitare. Mentre mi schifa totalmente il fatto che per puro lucro si possa arrivare a tanto.

Quindi se devo spendere 60 centesimi in meno ma favorire questo 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

preferisco spendere qualcosina in più ma per questo ↑ lo faccio più che volentieri. Piccola beneficenza per queste poverette che trovo anche bruttine ma non è che solo perchè non mi piacciono si meritano l’inferno. Non so voi quante uova consumiate nell’arco di un anno, ma non credo che la differenza di costi sia così eccessiva a lungo termine da crearvi disagi economici. Invece di comprarvi le caramelle alla cassa pensate a questo.

Dei rischi connessi alla salute non parlo, non credo che possa influire così tanto come dicono gli animalisti, è proprio una questione etica.

Il numero che indica il tipo di allevamento comunque è quello che trovate come primo numero stampato sull’uovo.

0 e 1 buono

2 uhm

3 no buono

Fate i bravi.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Riflessioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...